Come scegliere una Web Agency - Half Pocket

Come scegliere una Web Agency

Scegliere una web agency non è affatto facile. Se stai navigando questa pagina probabilmente non hai ben chiari quali potrebbero essere i parametri di scelta e le caratteristiche da tenere in considerazione. Cosa differenzia, in sostanza, una web agency da un’altra? E’ assolutamente normale non sapere da dove partire. Per chi non lavora nel settore, il mondo del digitale può risultare difficile da decifrare; anzi, per chi non possiede una “cultura 2.0” può anche sembrare addirittura incomprensibile.

Cosa ha acceso, dunque, in te la scintilla del digitale? Cosa ti sta spingendo a leggere questo articolo? Nella maggior parte dei casi, il confronto con attività di successo che operano nel tuo stesso settore: nel 99% dei casi, infatti, il vantaggio comunicativo e di marketing di un’azienda rispetto ad un’altra è il risultato di un investimento nel digitale, magari sul lungo periodo. Ovviamente, in un mondo che corre sul filo dell’innovazione tecnologica a 200 all’ora, la concorrenza è sempre più preparata e restare indietro è un rischio di non poco conto. Questo non deve farti demordere dal tuo intento iniziale, ma piuttosto essere uno stimolo a fare meglio: non è mai troppo tardi per investire nel digitale!

Come scegliere dunque una web agency in grado di guidarti con professionalità e onestà nel tuo nuovo viaggio? Ecco le nostre linee guida per aiutarti nella scelta consapevole. Vediamole insieme:

1. Impressione personale

Può sembrare banale ma il primo punto a cui fare particolare attenzione è proprio quello più istintivo, derivante cioè dalle impressioni personali. Nella fase di ricerca preliminare, probabilmente avrai aperto più di 50 pagine su Google e sarai stato bombardato da banner e annunci pubblicitari sui vari social network. In questo caso, puoi fare una prima scrematura sulla base di quelle che sono le tue sensazioni: come si presenta digitalmente questa azienda? il sito è facile da navigare? Sono efficaci nella comunicazione sui social network? i valori trasmessi rispecchiano i miei? Mi hanno convinto fin qui?

Questa prima analisi istintiva ti permette di scremare fra tante: se il sito di un’agenzia web non dovesse risultare piacevole e semplice da navigare, se non ti trasmettesse nessun valore e se la comunicazione social ti avesse lasciato indifferente, bhé… la risposta è semplice: come pensi che quella stessa web agency possa fare un buon lavoro per la tua azienda?

 

2. Struttura dell’azienda

Analizzare la struttura di un’azienda ci fornisce anche un indicatore importante sulla professionalità e sull’organizzazione del team e, quindi, del lavoro. Un’azienda ben strutturata è quella che nel tempo è riuscita a definire reparti operativi distinti con specializzazioni mirate per ogni settore. Il mondo del digitale è molto complesso e, per ottenere risultati di livello, è sconsigliabile affidarsi ai “tuttofare”. Per farti un esempio, basta pensare alle figure professionali che, in una web agency ben articolata, si interfacciano con il cliente per la realizzazione di una campagna di comunicazione sui social: project manager (che dirige i lavori), social media manager (che redige i piani editoriali e individua le strategie) grafico e copywriter. Questa è la formazione base per l’implementazione di una buona strategia: pensa che alcune web agency fondono queste risorse in un’unica figura professionale… quale pensi possa essere il risultato?

3. Lavori effettuati: il portfolio

Ogni web agency che si rispetti dedica una sezione del suo sito web all’esposizione dei propri lavori effettuati (portfolio). E’ un po’ quello che accade quando guardi la vetrina di un negozio prima di entrare: uno spazio dove ammirare i prodotti migliori di un’attività commerciale. Ti consigliamo quindi di analizzare con attenzione questa sezione per farti un’idea sulla qualità dei lavori svolti.

 

4. Obiettivi: i tuoi sempre al centro

Nessun lavoro digitale è fine a se stesso ma ruota tutto attorno all’individuazione e al raggiungimento degli obiettivi. Ogni imprenditore che sceglie di intraprendere questo percorso ha le idee chiare: aumentare il fatturato, ridurre i costi, consolidare la brand awareness ecc. La scelta deve quindi ricadere su web agency che mettano al primo posto gli obiettivi del cliente (non sempre è così).

5. Struttura del preventivo

Se sei arrivato a richiedere diversi preventivi, probabilmente hai già superato gli step di selezione sopra descritti. In questa fase è bene fare molta attenzione alla struttura del preventivo più che al costo finale: un progetto digitale deve essere dettagliato in ogni suo punto, spiegato chiaramente nei tempi e nelle modalità così come negli obiettivi, reso in sostanza comprensibile ai non addetti ai lavori. Diffida quindi di preventivi incompleti, che raggruppano tante voci in un unico capitolo, poco dettagliati e, soprattutto, poco chiari.

Ovviamente i criteri che determinano la scelta di una web agency rispetto ad un’altra non possono essere riassunti in questi soli 5 punti: lo scopo è quello di fornirti qualche utile spunto di riflessione. Noi di Half Pocket ci candidiamo per diventare la tua web agency di fiducia: chiarezza, trasparenza, efficacia e professionalità, questa è la cifra della nostra differenza.

A te la scelta!

I CONSIGLI DELL’ESPERTO

In un mondo così sensibile al successo economico, la creatività vince la sua battaglia con l’economia perché solo chi è capace di produrre continuamente innovazione nel proprio processo creativo può avere successo.
Andrea Pininfarina